Serpentine

Conference

Retirement porta con sé un sacco di cambiamento: cambiare alla vostra routine, al vostro reddito e le modifiche alla quantità di imposta che si deve pagare. Scopri come le vostre pensioni sono tassati e quando gli interessi sui vostri risparmi potrebbero essere pagati esentasse.

  • Imposta sul Reddito e i contributi per le Assicurazioni
  • l’Imposta sul Reddito personale indennità
  • Come la tua pensione è tassato
  • piano pensionistico a benefici Definiti
  • a contribuzione Definita pensioni
  • Reddito da più di una fonte
  • Tax-free interesse sul risparmio
  • i contributi Assicurativi Nazionali

Imposta sul Reddito e i contributi per le Assicurazioni

devi comunque pagare l’Imposta sul Reddito, dopo che hai ritirato su tutti i redditi sopra il vostro assegno personale. Puoi saperne di più sulla tua indennità personale nella sezione sottostante.

Questo vale per tutti i redditi da pensione, compresa la pensione statale.

Molte persone presumono che il loro reddito da pensione – in particolare la pensione statale – sarà esentasse, ma non è così.

Alcuni redditi, inclusa la pensione statale, vengono pagati senza che venga tolta alcuna tassa, ma ciò non significa che l’imposta non sia dovuta. Se devi pagare le tasse sulla tua pensione statale, questa verrà raccolta attraverso qualsiasi altra pensione sul posto di lavoro che potresti avere.

Imposta sul reddito assegni personali

Si è in grado di guadagnare o ricevere fino a £12.500 nel 2020-21 anno fiscale (6 aprile al 5 aprile) e non pagare alcuna tassa. Questo non è cambiato da 2019-20.

Questo è chiamato il tuo Assegno personale. Se guadagni o ricevi meno di questo, allora sei un non contribuente.

Potresti essere in grado di richiedere più di questo se sei idoneo a richiedere l’indennità di matrimonio o l’indennità per non vedenti.

Come viene tassata la tua pensione

Normalmente puoi prelevare fino al 25% del tuo piatto di pensione esentasse.

Il piatto rimanente viene utilizzato per fornire un reddito o può anche essere ritirato; in entrambi i casi questo è tassabile.

Ciò significa che tutti i soldi che ricevi sul tuo assegno personale saranno tassati.

Pensioni a benefici definiti

Se hai una pensione a benefici definiti (nota anche come stipendio finale o pensione media di carriera) puoi normalmente prendere fino al 25% della tua pensione esentasse, ma ti verrà pagato il resto come reddito, che sarà tassabile.

Pensioni a contribuzione definita

Le regole sono cambiate nel mese di aprile 2015 e si è ora in grado di prendere tutti i soldi dalla vostra pensione come si desidera.

Tuttavia, di solito solo il primo 25% sarà esente da imposte. Il resto è tassabile. L’importo dell’aliquota fiscale che si paga aumenta quando il reddito supera determinate soglie.

Ciò significa che più soldi prendi dal tuo piatto di pensione, più alto potrebbe essere il tuo conto fiscale.

Scopri di più su quante tasse pagheresti sul tuo piatto di pensione usando i calcolatori Pension Wise.

Reddito da più di una fonte

In età avanzata è abbastanza comune avere reddito da fonti diverse. Ad esempio, potresti ancora lavorare part-time e avere un reddito dalla tua pensione sul posto di lavoro e da alcuni risparmi.

Se si dispone di reddito da più di una fonte, assicurarsi HMRC sapere questo in modo da pagare la giusta quantità di imposta contro ogni reddito.

Il vostro assegno personale sarà normalmente assegnato contro il vostro lavoro principale o pensione – di solito il reddito che è più che l’indennità personale.

In questo caso, qualsiasi altro reddito ricevuto sarà tassato al 20%, al 40% o al 45%, a seconda della fascia di imposta in cui ricade l’altro reddito. Il tuo codice PAYE avrà lettere contro di esso che ti dice quanta tassa verrà detratta da ogni fonte di reddito.

Tuttavia, se si dispone di entrate provenienti da fonti diverse al di sotto dell’indennità personale (£12.500 per il 2020-21), si dovrebbe chiedere a HMRC di distribuire l’indennità personale tra le diverse fonti di reddito per assicurarsi di non pagare troppe tasse.

Se paghi più del dovuto, puoi richiederlo alla fine dell’anno fiscale.

Assicurati di controllare il codice fiscale(s) in modo da sapere la giusta quantità di imposta viene detratto.

Non sei sicuro che il tuo codice fiscale sia corretto? La carità il gruppo di riforma fiscale a basso reddito ha informazioni sul controllo del codice fiscale.

Interessi esentasse sui tuoi risparmi

L’indennità di risparmio personale, introdotta nell’aprile 2016, è l’importo del reddito da risparmio che può essere ricevuto esentasse.

Per il 2020-21 questo rimane a £1.000 per i contribuenti a tasso base e £500 per i contribuenti a tasso più elevato.

L’opzione precedente per compilare il modulo R85 per ricevere interessi senza tasse tolto non è più disponibile.

Allo stesso modo, da aprile 2016, le banche e le società di costruzione non deducono più l’imposta sul tasso di base dagli interessi sui tuoi risparmi.

Invece, se il tuo reddito da risparmio è superiore a £1.000 per un contribuente a tasso base e £500 per un contribuente a tasso più elevato, HMRC raccoglierà qualsiasi imposta dovuta tramite il tuo codice PAYE.

Se si dichiara normalmente reddito da risparmio attraverso una dichiarazione dei redditi di autovalutazione si dovrebbe continuare a fare questo.

Se il reddito complessivo è inferiore all’indennità personale (£12.500 per il 2020-21) si ha anche diritto al £5.000 ‘tasso di partenza per il risparmio’ di 0%, in cima al £1.000 Indennità di risparmio personale.

È ancora possibile richiedere indietro imposta si potrebbe avere pagato sui vostri risparmi negli anni precedenti, quando non avrebbe dovuto fare.

Usa il modulo R40apre in una nuova finestra per farlo.

L’interesse che ricevi da conti di risparmio efficienti dal punto di vista fiscale, come gli ISA in contanti, viene pagato esentasse indipendentemente dal fatto che tu sia un contribuente.

Scopri di più sul tasso di partenza per i risparmiatori e l’indennità di risparmio personale in Imposta sul risparmio e gli investimenti – come funziona.

Contributi assicurativi nazionali

Se continui a lavorare oltre l’età pensionabile statale, non paghi più i contributi assicurativi nazionali sui tuoi guadagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *